Se hai lavorato in aziende strutturate è difficile non aver avuto a che fare con Outlook. Il popolare client email infatti è estremamente diffuso e molti sono ancora legati ad esso.

Certo, soprattutto tra le nuove leve o negli ambienti di lavoro più “agili”, la tendenza è quella di usare le email direttamente online, e su questo Gmail ne è stato il promotore. Però possiamo dire che con l’evolversi di smartphone e tablet si è resa sempre più evidente la necessità di avere sistemi per la gestione della posta di tipo multipiattaforma.

Mentre Apple e Google sfornavano nuove trovate geniali di mese in mese Microsoft stava a guardare rimanendo indietro.. Almeno fino a quando al comando è arrivato Satya Nadella che di novità ne ha introdotte veramente molte, ma quella realmente importante è stata l’apertura dei sistemi Microsoft ad altre piattaforme.
L’ultima geniale trovata è stata la realizzazione di Outlook per Apple e Android, è ora possibile infatti scaricare Outlook gratuitamente sulle due piattaforme e dopo un primo utilizzi devo dire che sembra studiato veramente bene.
Cosa mi piace? L’interfaccia e l’integrazione con i contatti e i calendari. E’ un applicazione pensata per integrare anche mail, contatti e calendari dei sistemi iOS e Android e questa integrazione porta sicuramente a una migliore organizzazione.
Cosa approfondirei? Il funzionamento di account personalizzati.
In conclusione posso affermare di essere contento delle proposte di Microsoft, al giorno d’oggi avere app di pubblico interesse non integrate con altri sistemi vorrebbe dire morire lentamente. Forza Nadella la strada è giusta!
Consiglio di provarla? Sì se bisogna gestire molti account, mail e calendari o siamo dei “nostalgici”, mentre se non abbiamo queste necessità le app originarie sono sufficenti.