Assunzione o libera professione? Se vai di fretta la risposta è: “assunzione”


Una delle domande che mi viene posta più frequentemente dai miei studenti è sul come impostare il lavoro dopo gli studi universitari. Cioè se è meglio l’assunzione o la libera professione.

Faccio una premessa, non mi sto riferendo ad una mera situazione contrattualistica, ma alla modalità di impostare il lavoro.

Quando i miei studenti mi fanno questa domanda il mio consiglio è molto chiaro: cerca di essere assunto o quantomeno di lavorare presso una realtà con basi solide dove si lavori in team, la libera professione intraprendila solo quando hai una esperienza sul campo reale e strutturata.

Ecco i vantaggi del lavorare in gruppo:

  • Comprendi le dinamiche aziendali.
  • Se commetti errori non graveranno (solo) sulle tue spalle
  • Impari a lavorare in team
  • Migliori guardando come lavorano i più esperti e i colleghi
  • Copisci come gestire clienti
  • Lavori generalmente su progetti più grandi.

Tre domande se stai pensando di iniziare come libero professionista

  • Sai gestire la contabilità? Uno dei primi errori che si possono fare ad esempio è quello di non rispettare le scadenze e utilizzare i soldi predisposti per le tasse per altre cose.
  • Sei capace a gestire i tempi, te stesso e le distrazioni in genere? Questo è un punto cruciale, prova a immaginare: sei a casa, sei stanco e arriva un amico a chiamati.. saresti capace di dirgli di no per continuare a lavorare?
  • Come te la cavi con il marketing? Sai come fare a cercare clienti? Essere libero professionista vuol dire saper fare 3 lavori in uno!

Quindi:

Se il tuo dilemma è tra l’assunzione o la libera professione allora Inizia come dipendente, poi se un domani avrai la necessità e le condizioni saranno favorevole sarai pronto al grande passo!

Leggi anche: “tutti gli errori che ho commesso quando ho aperto la mia prima partita iva”

Cosa ne pensi? Scrivilo nei commenti.


Crediti: Immagine di copertina di Keenan Beasley – Immagine interna di Campaign Creators